IL MIO 2° PARTO parte prima

Giorno 16 maggio 2013 – giovedì
Monitoraggio di controllo, la piccola Marisol sembra stare bene, ma purtroppo cresce poco, la ginecologa che mi segue dice di aspettare ancora solo 1 settimana, poi o cresce o si induce il parto! Paura!
Insiste per farmi una manovra: lo scollamento manuale delle membrane! In questo modo se la piccola è pronta, non facciamo altro che accelerare l’inizio del travaglio senza indurlo con i farmaci…. Dolorosissima manovra che mi fa iniziare ad avere perdite di sangue e contrazioni dolorose ma non ravvicinate fino al giorno….

Giorno 21 maggio – martedì
Siamo dai miei suoceri il pomeriggio e ci invitano a cena… Tutto procede come i giorni prima, niente di diverso, mi vedo gonfia più del solito ma ho passato le 38 settimane ed è normale! Ore 20.00 dico ” dai Giorgia, prepariamoci che andiamo a casa”
G: “no! Nanna con nonna!”
Io: ” Giorgia sei sicura? Andiamo a casa a fare la nanna nel lettone con la mamma?”
G:” no! Lettone con nonna”
Sorpresa e stranita decido con nonni e marito di accontentare Giorgia ma… Boh, è la prima volta che chiede e decide di rimanere a dormire dai nonni, era già capitato che rimanesse ma sempre deciso da noi, non da lei!

Approfitto per rilassarmi un pò, mio marito sarebbe andato a lavorare la notte ed essendo sola a casa decido di farmi un bagno caldo.

Ore 21.20 esco dal bagno. 1° contrazione che mi fa piegare in due dal dolore….
Ore 21.27 seconda contrazione, forte uguale
Ore 21.32 terza
Tutte così, regolari ogni 5 minuti.

Videochiamo mia mamma su skype, le spiego tutto e taaaac contrazione in diretta.
Tra una risata e l’altra (anche un pò di ansia per essere sola in casa) decidiamo che è il caso che mio marito, al lavoro, sappia cosa sta succedendo anche se io continuo a ripetermi che sarà un falso allarme….

Ore 23.50 siamo in ospedale, “così, per fare un monitoraggio, ma tanto mi mandano a casa, sono convinta!”
Mi visitano e… “Signora è dilatata 2 dita, con contrazioni regolari ogni 5 minuti…. Direi che partorirà in nottata, al più tardi domani mattina!”

Potete immaginare l’adrenalina che ho in circolo…..
1 – Giorgia che decide di stare dai nonni… Proprio quella sera, ci pensate? Se la avessi avuta a casa sarebbe stato un mezzo disastro! Avremmo dovuto far venire la nonna a dormire da noi, o peggio, svegliare Giorgia a chissà che ora nel pieno dei dolori!

2 – io che mi faccio visitare convinta che sia un falso allarme e mi dicono che di li a poco avrei abbracciato quella creatura che ho nella pancia???

La felicità però viene offuscata da dolori atroci, questo travaglio è mooolto più doloroso del primo, sento che qualcosa non è come dovrebbe essere… Nonostante una sala travaglio con un letto matrimoniale e George Michael in sottofondo non sono tranquilla…

Ore 3.00 mi visitano: la dilatazione procede veloce, sono già a 5 cm…. Ma la bimba non è posizionata bene, dovrebbe ruotare la testolina e “guardare il pavimento” alla nascita, lei ora sta “guardando il soffitto”… Cefalica si, ma girata…
La conseguenza di questo è che io non sento le spinte, non ho voglia di spingere, mi assorbo tutto il dolore delle contrazioni nella pancia senza, appunto, spingere… E chiedo “ma se non spingo come fa a nascere?”

Mi mettono l’ossitocina, mi fanno provare mille posizioni finchè alle 5, stremata dalla fatica (era dalle 3 che mi provocavo le spinte inutilmente) l’ostetrica decide “proviamo ad andare in sala parto, vediamo cosa succede!”

Questa voce è stata pubblicata in amore, Giorgia, Gravidanza 2, Marisol, salute, sentimenti. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>